Gea-draconia.net

Pubblicità

Appuntamento con le Stelle, il Cielo di ottobre 2017

Appuntamento con le Stelle, il Cielo di ottobre 2017

Appuntamento con le stelle, il cielo di ottobre 2017. Eccoci di nuovo all’appuntamento con i nostri lettori che amano osservare il cielo notturno per riconoscere le stelle e i pianeti e cercare di vedere se ci sono delle stelle cadenti che possono esaudire i loro desideri. Per osservare i corpi celesti assicuratevi che il cielo notturno sia sereno perché altrimenti vedrete soltanto un tappeto di nuvole cariche di umidità o nubi sparse che vi impedirebbero di individuare le stelle, le costellazioni, i pianeti, le comete e le eventuali meteore. A tutti gli interessati all’osservazione di cielo e stelle, consiglio di visitare il sito web dell’Unione Astrofili Italiani: http://www.uai.it/

Il 31 ottobre il sole passa dalla costellazione della Vergine a quella della Bilancia.

Il 1 ottobre: il sole sorge alle 07:09 ; tramonta alle 18:54; il 15 ottobre: il sole sorge alle 07:24; tramonta alle 18:30; il 31 ottobre: il sole sorge alle 06:43; tramonta alle 17:07.

Nel corso del mese le giornate si accorciano di circa 1 ora e 21 minuti per una località alla latitudine media italiana.

Fino al 28 ottobre gli orari sono espressi in Ora Legale Estiva, pari ad un’ora in più rispetto all’Ora Solare o TMEC (Tempo Medio dell’Europa Centrale).

Nella notte tra il 28 e il 29 ottobre torna in vigore l’ora solare.

Gli orari indicati sono validi per una località alla latitudine media italiana.

La Luna il 5 ottobre 2017, alle ore 20:40, è Luna Piena; il 12 ottobre 2017, alle ore 14:25, è all’Ultimo Quarto; il 19 ottobre 2017, alle ore 21:12, è Luna Nuova; il 28 ottobre 2017, alle ore 00:22, è al Primo Quarto.

Gli orari e le date sono riferiti al tempo segnato dai nostri orologi per uso civile:

T.M.E.C. (Tempo Medio Europa Centrale = TU + 1h) da domenica 1 gennaio 2017 a sabato 25 marzo 2017 e da domenica 29 ottobre a domenica 31 dicembre 2017

O.E. (Ora Estiva = TU + 2h) da domenica 26 marzo 2017 a sabato 28 ottobre 2017.

Pianeti di Ottobre 2017

Mercurio: il pianeta rimane praticamente inosservabile per tutto il mese. L’8 ottobre Mercurio si trova in congiunzione con il Sole. In seguito si allontana lentamente dal Sole tornando a riaffacciarsi sull’orizzonte occidentale, ma è ancora troppo presto per iniziare ad osservarlo nel cielo serale. Ancora a fine mese Mercurio tramonta appena mezz’ora dopo il Sole: sarà quindi ancora molto basso sull’orizzonte, immerso nella la luce del tramonto.

Venere: è osservabile la mattina, ma l’intervallo di tempo disponibile per osservare Venere si riduce ulteriormente. All’inizio di ottobre Venere sorge due ore prima del Sole, alla fine solo un’ora e mezza. Osserveremo quindi il pianeta man mano più basso sull’orizzonte orientale tra le luci dell’alba. Il 9 ottobre Venere lascia la costellazione del Leone per entrare nella Vergine. Da segnalare una stretta congiunzione con Marte il 5 ottobre.

Marte: dei tre pianeti visibili al mattino presto (con Venere e Giove) , Marte è quello osservabile più facilmente, con la maggiore altezza sull’orizzonte a Sud-Est prima del sorgere del Sole. Nel corso del mese il pianeta rosso percorre un ampio tratto della costellazione della Vergine. Da segnalare la congiunzione con la stella Spica il 28 novembre.

Giove: per molti mesi lo abbiamo osservato, l’inconfondibile pianeta più luminoso del cielo serale. Ma con questo mese termina questo lungo periodo di osservabilità. Giove sarà in congiunzione con il Sole il 26 ottobre. Per alcune settimane la luce solare avrà il sopravvento e non potremo individuare il pianeta, che in seguito ricomparirà al mattino presto. Giove prosegue il suo cammino nella costellazione della Vergine, portandosi vicino al limite con la Bilancia.

Saturno: il pianeta con gli anelli si trova sempre più basso sull’orizzonte occidentale, ma vale la pena seguirlo ancora con interessa, dato che, con la congiunzione di Giove con il Sole, Saturno rimane l’unico pianeta, tra quelli visibili ad occhio nudo, osservabile nel cielo serale. Bisogna cercarlo poco dopo il tramonto a Sud-Ovest, man mano più basso sull’orizzonte, nella costellazione dell’Ofiuco, dove il pianeta si sposta lentamente avvicinandosi al confine con il Sagittario.

Urano: il 19 ottobre il pianeta si trova all’opposizione rispetto al Sole. Per il pianeta inizia quindi il periodo di migliore osservabilità per l’anno in corso. Sarà possibile osservarlo per tutta la notte. Compare sull’orizzonte orientale al tramonto del Sole, culmina a Sud nelle ore centrali della notte e tramonta ad occidente quando compaiono le luci dell’alba. La luminosità di Urano è al limite della visibilità occhio nudo e per poterlo osservare nelle migliori condizioni è opportuno l’uso di un telescopio. Il pianeta si muove molto lentamente, con moto retrogrado, nella costellazione dai Pesci, in cui si trova dal 2009.

Nettuno: dopo l’opposizione del mese scorso, il pianeta rimane ancora osservabile per gran parte della notte. Dopo il tramonto del Sole si trova già piuttosto alto in cielo in direzione Sud-Est. Nel corso della prima parte della notte raggiunge la massima altezza (culminazione) a Sud. Per poter osservare Nettuno è comunque necessario l’uso del telescopio, a causa della bassa luminosità del pianeta, non accessibile all’osservazione ad occhio nudo. Nettuno si trova ancora nella costellazione dell’Acquario, dove è destinato a rimanere per un periodo estremamente lungo che si concluderà solo nell’anno 2022. Il 6 Ottobre si verificherà l’occultazione di una stella da parte di Tritone, la maggior luna di Nettuno. Per gli astrofili esperti che volessero osservare l’evento si rimanda alla pagina della UaiNews dedicata.

Plutone: l’osservabilità di Plutone è limitata alle prime ore della notte: al calare dell’oscurità Plutone è già basso in cielo a Sud-Ovest. Data la luminosità molto bassa, è indispensabile l’ausilio di un telescopio di adeguata potenza per riuscire ad individuarlo. Plutone si sposta con estrema lentezza nella costellazione del Sagittario, dove resterà per molti anni ancora, fino al 2023.

La IAU (International Astronomical Union), ha istituito (giugno 2008) la classe dei Plutoidi. Abbiamo comunque ritenuto opportuno mantenere nella nostra rubrica Plutone, capostipite di questa nuova categoria di membri del sistema solare.

Congiunzioni di ottobre 2017

Venere-Marte : una interessante congiunzione osservabile al mattino presto, tra le prime luci dell’alba del 5 ottobre. I due pianeti, Venere e Marte, sono molto vicini tra loro, separati da un angolo di circa 1/3 di grado. La congiunzione si verifica nella costellazione del Leone.

Luna-Pleiadi : la sera del giorno 8 la Luna si trova nella costellazione del Toro, dove sorge accompagnando l’ammasso stellare delle Pleiadi e la stella Aldebaran.

Luna.Venere-Marte : il cielo del mattino continua a proporre le configurazioni più interessanti. Il 17 ottobre, prima del sorgere del Sole, possiamo osservare – nella costellazione della Vergine – il sorgere in sequenza della sottile falce di Luna calante, seguita da Marte e da Venere.

Luna-Venere : il 18 ottobre la Luna, ormai prossima alla fase di Luna Nuova, si trova in congiunzione con Venere, molto bassa sul cielo orientale , nella costellazione della Vergine.

Luna-Giove-Mercurio : la sera del 20 ottobre, poche ore dopo la Luna Nuova nella costellazione della Vergine si incontrano l’impercettibile falce di Luna ed i pianeti Mercurio e Giove, troppo bassi sull’orizzonte occidentale per essere distinguibili nella luce del crepuscolo.

Luna-Saturno : la sera del giorno 24 è ancora possibile osservare una congiunzione tra la Luna e Saturno, sempre più basso con il passare del tempo sull’orizzonte occidentale, dove lo vediamo tramontare nella costellazione dell’Ofiuco.

Per chi si interessa di Astrologia: lOfiuco non ha nulla a che spartire con l’Astrologia che divide lo Zodiaco in 12 Costellazioni ciascuna corrispondente ad una Stagione terrestre. Proprio per la sua scarsa visibilità e per la sua prossimità allo Scorpione, l’Ofiuco non venne e non viene preso in considerazione da molti Astrologi.

Le costellazioni di ottobre 2017

Solo nelle prime ore della notte ci sarà ancora l’opportunità di osservare parte delle costellazioni che hanno dominato il cielo estivo.

Una volta spente le ultime luci del crepuscolo serale, avremo appena il tempo di vedere ad occidente il tramonto del Bootes con la brillante stella Arturo, subito seguito dall’Ofiuco e da Ercole.

Abbiamo a disposizione qualche ora in più per vedere ancora una volta il “Triangolo Estivo”, del quale ricordiamo i componenti: ai vertici troviamo le stelle Altair dell’Aquila, Vega della Lira e infine Deneb del Cigno.

Lungo l’eclittica cominciano ad apparire ad Est le costellazioni dello Zodiaco che vedremo alte in cielo per i successivi mesi dell’Autunno e dell’Inverno: in tarda serata sorgeranno prima il Toro e successivamente i Gemelli.

Ad Ovest, poco dopo il tramonto del Sole, potremo vedere un’ultima volta per quest’anno il Sagittario; a Sud – Ovest il Capricorno e l’Acquario, privi di stelle particolarmente brillanti, non offrono punti di riferimento rilevanti.

La costellazione dei Pesci è anch’essa poco appariscente, ma la sua posizione, a Sud di quella di Pegaso, ne facilita il ritrovamento sulla volta celeste.

Ancora più ad Est è facile identificare la piccola costellazione zodiacale dell’Ariete. Il grande quadrilatero di Pegaso, il cavallo alato, situato ben alto nel cielo in questa stagione, quasi allo zenit – cioè sulla verticale sopra le nostre teste.

Tra Pegaso e la Stella Polare, quest’ultima come sempre ferma in cielo ad indicare il Nord, troviamo Cassiopea, con la sua inconfondibile forma a “W”, e Cefeo, una costellazione un po’ più difficile da riconoscere essendo priva di stelle brillanti.

Dal vertice nord-est del quadrilatero di Pegaso inizia un allineamento di 3 stelle piuttosto luminose: si tratta della costellazione di Andromeda.

Proseguendo ancora sullo stesso allineamento, sull’orizzonte nord-orientale, sopra la brillante stella Capella (della costellazione dell’Auriga), possiamo riconoscere il Perseo, con una forma che ricorda una “Y” rovesciata.

Parlando di queste costellazioni, non si può fare a meno di citare due oggetti del cielo tra i più ammirati dagli astrofili. Si tratta di oggetti molto facili da osservare, adatti anche a chi si avvicina per la prima volta all’osservazione astronomica.

Iniziamo con il “Doppio Ammasso del Perseo”: si trova nella zona di cielo tra Perseo e Cassiopea ed è già visibile ad occhio nudo in cieli oscuri e senza Luna, ma diventa spettacolare già con un semplice binocolo.

Complessivamente i due ammassi sono costituiti da circa 400 stelle, e distano da noi oltre 7.000 anni luce.

Guardiamo adesso la costellazione di Andromeda: delle 3 stelle più brillanti che troviamo vicino a Pegaso, prendiamo a riferimento quella centrale.

Spostiamoci da lì verso Cefeo: con l’aiuto di una mappa, non sarà difficile notare anche con un binocolo (ma in cieli molto bui si può intravedere anche ad occhio nudo) una leggera nebulosità a forma di ellisse schiacciata: è la famosa Galassia di Andromeda, omonima della costellazione che la ospita.

Andromeda è la galassia più vicina alla nostra Via Lattea, ma i “grandi numeri” che la caratterizzano non mancheranno di emozionare chi per la prima volta potrà osservarla attraverso un telescopio: si trova comunque alla distanza di circa 2 milioni e mezzo di anni luce (un anno luce è pari a circa 9.460,8 miliardi di km), ha un diametro di circa 200.000 anni luce secondo le stime più recenti e contiene oltre 100 miliardi di stelle!

Concludiamo il tour del cielo con l’Orsa Maggiore, che in questo periodo troviamo bassa sull’orizzonte settentrionale.

Tra le due Orse possiamo riconoscere Draco.

Lo Zenit è il punto più alto della sfera celeste, proprio sopra la nostra testa: per la definizione geometrica è il punto di intersezione tra la retta verticale passante dal punto di osservazione e la sfera celeste.

L’eclittica è il percorso apparente del Sole nell’arco dell’anno lungo la volta celeste; geometricamente, è l’intersezione tra quest’ultima e il piano dell’orbita terrestre.

Le meteore di ottobre 2017

In ottobre, chi osserva beneficia di un numero di ore notturne maggiore che nei mesi precedenti, e si può dedicare all’osservazione delle meteore anche nelle ore serali. Quest’anno la Luna sarà presente in maniera consistente nella prima parte del mese (plenilunio il 5 ottobre), disturbando sì alcune interessanti piogge minori ma fortunatamente lasciando la possibilità di osservare le Orionidi, di certo la corrente più cospicua del mese.

Purtroppo quest’anno il massimo delle Delta Aurigidi (max 4 ottobre) risulta del tutto disturbato dal chiarore lunare e solamente nelle ultime ore della notte, prossime al tramonto della Luna, sarà possibile individuare con più facilità queste meteore che sono per lo più di debole luminosità e di notevole velocità. Questa corrente meteorica, essendo formata da differenti filamenti con orbite leggermente differenti, viene incontrata dalla Terra in momenti diversi, cosicchè la frequenza con cui appaiono le meteore risulta lungo il periodo alquanto confusa.

Seguire visualmente l’apparizione delle Draconidi (max 8 ottobre) quest’anno sarà pressochè impossibile se non nelle ore che seguono il crepuscolo serale, quando il radiante sarà molto alto sull’orizzonte e la Luna dovrà ancora sorgere. Ad ogni modo non sono attese sorprese, dato che gli exploit di meteore avvengono solamente quando la cometa d’origine, la Giacobini Zinner, è in prossimità del perielio, cosa che avverrà il prossimo anno in settembre. E’ attesa pertanto una normale apparizione tra il 7 e il 14 ottobre con punte di una decina di meteore/h al massimo, specie con meteore di debole luminosità.

Come detto, la migliore chance osservativa ci è offerta dalle Orionidi (max 21/22 ottobre), originate dai residui eiettati nei vecchi passaggi della cometa Halley. L’assenza della Luna permetterà ogni tipo di studio: nel visuale sulle frequenze orarie e sulla distribuzione delle luminosità, nel dominio fotografico e video sulla posizione del radiante. Saranno ben visibili dopo mezzanotte, quando il radiante a nord di Betelgeuse sarà più alto sull’orizzonte. Tra il 18 e il 23 ottobre la Terra nel suo moto incontra zone più o meno dense di meteoroidi cosicchè di anno in anno si osservano variazioni della frequenza, sempre comunque superiore alle 20-30 meteore/h.

Occorre anche tener presente che per tutto il mese sono attive le Tauridi dalla regione a nord della Balena. Anche se il loro numero maggiore si registra in novembre, già in ottobre può raggiungere tassi abbastanza ragguardevoli specie verso il 10 ottobre e a fine mese.

Ottobre inoltre è un buon mese per dedicarsi nelle ore serali e nei momenti senza Luna alla fotografia, in quanto tutta la regione prossima all’eclittica, tra le costellazioni dell’Ariete, Pesci, Balena e Toro, è solita dare origine a grossi bolidi di probabile origine asteroidale.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Pubblicità
Pubblicità