Gea-draconia.net

Pubblicità

Intervista con Nadia Murad: il genocidio degli yazidi continua

Intervista con Nadia Murad: il genocidio degli yazidi continua

Intervista con Nadia Murad: il genocidio degli yazidi continua. “I miei 6 fratelli sono stati uccisi davanti agli occhi di mia madre. Poi hanno preso mia madre e ucciso anche lei. Sono cresciuta orfana, senza un padre; l’unica persona che avevo al mondo era mia madre …

La 21enne Nadia Murad è una delle molte ragazze curde rapite da Daesh (IS/Stato Islamico) a Shengal (Sinjar). Le torture di cui è stata oggetto sono difficili da esprimere in parole. Daesh ha ucciso l’intera famiglia di Nadia; è riuscita a fuggire in Europa. Un intervento che Nadia ha fatto lo scorso dicembre alle Nazioni Unite (ONU) ha rivelato con le nude parole la portata della crudele sofferenza delle donne yazide davanti agli occhi mondo. Nell’ambito di una serie di discussioni con organizzazioni per i diritti umani nel Regno Unito, Nadia ha risposto alle domande di Suna Alan per il quotidiano curdo Yeni Özgür Politika. L’intervista è stata tradotta dal curdo in inglese da Imren Öztas.

Sequestrata come schiava da Daesh, dice di aver dimenticato sua madre e i suoi fratelli perché il trattamento riservato alle donne nelle mani di Daesh è molto peggiore della morte. La domanda principale nell’intervista è: per gli yazidi sarà possibile tornare nella Shengal liberata? Nadia risponde dicendo che gli yazidi non hanno fiducia nel governo e temono di rivivere un genocidio simile. Il governo dell’Iraq ha raccomandato Murad per il Premio Nobel per la Pace, “Prima di propormi per una candidatura al Nobel, devono liberare le donne e i bambini tenuti in ostaggio da Daesh.”

Nadia Murad chiede a tutti di agire per la liberazione delle giovani donne tenute prigioniere e di dare un sostegno adeguato a coloro che sono fuggite dall’orrendo regime.Colta da intense emozioni, Nadia dice che dal discorso al Consiglio di Sicurezza dell’ONU in poi, nessuna donna è stata salvata e non è stata fatta alcuna azione. Stanno ancora aspettando … Murad critica anche le organizzazioni delle donne curde in Europa e dice che non hanno mostrato alcun sostegno o iniziativa rispetto al suo grido di aiuto.

Un gran numero di giovani donne sono in una situazione simile alla tua. Tu scegli di parlare e lottare. Come hai trovato il coraggio per farlo?

Dopo essere sfuggita a Daesh ho cercato rifugio nel campo di Zakho Qazy. Lì ho parlato apertamente del sequestro di donne e ragazze da parte di Daesh. A parte una coppia di giornalisti, nessuno ha parlato dei nostri problemi. Né il governo iracheno o curdo hanno fornito alcun sostegno per la riabilitazione o per condizioni di vita più salubri; non hanno neanche fatto sforzi per mandare all’estero donne nella nostra situazione. Non avevo un passaporto o documenti di viaggio adatti per andare all’estero. La Germania ha promesso di accettare mille giovani donne nella mia condizione e il mio caso è stato accettato. Sono arrivata a settembre dello scorso anno.

In estate sono entrata a far parte della Yazda Foundation. Il Consiglio di Sicurezza dell’ONU ha contattato la fondazione chiedendo di ospitare una giovane donna liberata dalle mani di Daesh in un loro incontro. La fondazione mi ha chiesto se fossi pronta a condividere la mia storia e ho detto “si”. Non ho parlato solo di me stessa, ho parlato a nome della mia famiglia, della mia comunità, dei bambini nelle zone di guerra e di tutte le persone sfollate e colpite dalla situazione.Due mesi sono passati dall’inizio della mia campagna e nonostante il fatto che non sia stata presa alcuna azione fino ad ora, le masse afflitte sono state contente che qualcuno abbia dato voce ai loro problemi.

Il cosiddetto Stato Islamico ha sequestrato un numero stimato in 5800 tra donne e bambini. Hanno ucciso molte persone in Iraq e Siria e milioni di persone sono fuggite. Hanno massacrato gli uomini yazidi e rapito donne e bambini portandoli nei campi e nei mercati degli schiavi sessuali in Siria e Iraq. Questo genocidio, stupro e trasferimento forzato viene compiuto nel nome dell’Islam.

Durante il tuo soggiorno nei campi profughi, ha ricevuto qualche trattamento di sostegno dal governo irakeno o curdo?

Sono stata nel campo per mesi nel Kurdistan meridionale (nord Iraq) e ho incontrato centinaia di donne che anche loro erano fuggite da Daesh. La verità è che dopo tutte le difficoltà che abbiamo vissuto, essere vendute, le cose sporche che ci hanno fatto, qualcuno avrebbe dovuto agire per noi con urgenza. Invece i sopravvissuti che sono fuggiti non sono stati in grado di ottenere nemmeno una tenda. Tutti hanno dovuto arrangiarsi con quello che c’era, nessuna misura aggiuntiva è stata presa dai funzionari. Le leadership irakena e curda non hanno dato un aiuto vero. Non è stato dato sostegno alle donne che sono fuggite da Daesh. Queste donne rimaste orfane hanno bisogno di ogni genere di aiuto, anche semplicemente di avere dei vestiti decenti da indossare.

Una parte di Shengal è stata liberata, gli yazidi torneranno a casa?

Un anno e mezzo dopo, il genocidio degli yazidi continua. Ci massacrano ogni giorno. Hanno ucciso i miei sei fratelli sotto gli occhi di mia madre e poi hanno assassinato lei. Sono cresciuta senza un padre e mia madre era l’unica persona che avevo al mondo. Quando sono stata portata a Mosul per essere venduta, la memoria crudele del fatto che la mia famiglia era stata massacrata mi è passata di mente; ho assistito a cose molto peggiori della morte. Bambine di soli 9 anni venivano noleggiate e vendute nel mercato delle schiave sessuali. Immagina quanto sia umiliante questo trattamento immorale per gente che conduceva vite normali e pacifiche solo un anno mezzo prima. Capisco che voi non lo avete vissuto, ma io si. Molti considerano la storia dolorosa, ma ci sono vittime che hanno vissuto e stanno vivendo tragedie peggiori.Circa 3.100 donne e bambini attualmente si trovano nelle mani di Daesh. Tutto ciò che vogliamo è l’emancipazione delle nostre donne e dei nostri bambini.

Sì, Shengal è stata salvata, ma il 40 per cento della città è ancora nelle loro mani e fino ad ora sono state trovate più di 27 fosse comuni. Non possiamo tornare lì! Non solo le nostre case sono state demolite, abbiamo perso la fiducia. Come possiamo essere sicuri che non ci sarà un altro massacro?Abbiamo perso la fiducia nel governo. Perché per rendere possibile un nostro ritorno, il nostro paese deve essere sotto protezione internazionale. Questa non è la prima volta Gli yazidi sono stati colpiti da un genocidio; non possiamo più accettarlo. Gli yazidi e coloro che soffrono di questa guerra vogliono che tutte le comunità e tutta l’umanità si uniscano contro Daesh.Daesh è un pericolo per tutte le nazioni, non solo l’Iraq o la Siria. Tra loro c’è gente di tutto il mondo. Prego tutti di aiutare coloro che sono colpiti da questa guerra, anche se solo in misura minima.

Puoi parlare degli sviluppi al Consiglio di Sicurezza dell’ONU dopo l’incontro? Cosa è seguito alle tue richieste? Sono stati fatti passi concreti?

Nulla di ciò che ho detto nel discorso era un segreto; erano cose che tutti già sapevano. Dopo il mio intervento ho incontrato il Segretario di Stato USA John Kerry e la scienziata Susan Wright dell’Istituto di Ricerca su Donne Storia del Genere dell’Università del Michigan. Li ho pregati di aiutare. Entrambi hanno promesso di fare tutto ciò che è in loro potere. Stiamo ancora aspettando la loro risposta alle nostre richieste.Per ora ho fatto una campagna e partecipato a molti incontri in Egitto, Grecia, Kuwait, Norvegia, USA e attualmente nel Regno Unito. Il mio primo appello in questi incontri è la libertà per le donne e i bambini tenuti in schiavitù e in secondo luogo il riconoscimento del genocidio considerando la scoperta delle fosse comuni.

Voglio che la gente, chiunque essa sia, yazidi, musulmani o chiunque, prendano posizione su questo argomento. Questo è un attacco contro tutti noi. È un problema che sta costando molte vite umane. La situazione per le donne e ragazze yazide è critica, ma anche molte persone di altre comunità stanno perdendo la vita e le loro case.L’obiettivo ultimo per noi è la liberazione di tutte le donne e ragazze dalla mani di Daesh. Abbiamo urgente bisogno di sostegno se le cose devono migliorare. Dobbiamo impedire a Daesh di reclutare nuovi giovani e di fare loro il lavaggio del cervello con la loro ideologia.

Per le donne attualmente tenute prigioniere da Daesh, ci sono molte famiglie come quella che ha aiutato me che sono disponibili ad aiutare in Iraq e in Siria. Ho chiesto a molti musulmani di aiutare queste donne chiedendo alla loro comunità musulmana locale, chiedendo loro di salvarle.Ci sono uomini che rischiano la vita per salvare le vite di queste donne e bambini. Ci sono persone disposte a salvarli in cambio di denaro. Ma molte famiglie non hanno i mezzi finanziari per pagare il prezzo che chiedono. Molti hanno perso quei componenti della famiglia che si occupavano di loro. Le nostre ragazze non hanno nessuno che dia il denaro che serve per liberarle. Per questo chiedo a chiunque sia in grado di aiutare finanziariamente la comunità yazida di farlo con urgenza.

Qualche organizzazione di donne curde in Europa ti ha contattata per offrirti aiuto?

No, nessuna di loro lo ha fatto.

C’è un messaggio che vorresti dare attraverso questa intervista?

Abbiamo bisogno dell’aiuto di ogni essere umano, a prescindere da chi sia. Aiutiamoci; affrontiamo insieme questa barbarie. Un anno e mezzo è passato e il nostro popolo è ancora disperato, affamato e nel pieno di questa atrocità. Preghiamo tutti di dare aiuto, in qualunque modo gli sia possibile. Indipendentemente dal genere o dalla religione, sto chiedendo il sostegno e l’assistenza di tutti.

Il governo irakeno ti ha proposta per il Premio Nobel per la Pace …

Lascia perdere il Premio Nobel. Prima di proporre me come candidata per il Nobel devono liberare le donne e i bambini tenuti in ostaggio da Daesh. Quando la Germania ha accettato migliaia di donne come rifugiate, ci hanno trattate bene e si sono occupati di tutte noi. Ci è stato dato un posto confortevole e un sussidio mensile. Ci hanno davvero aiutate a riportare la normalità nelle nostre vite. Eravamo tutte stravolte e soffrivamo molto prima di ricevere questo sostegno. Abbiamo bisogno di persone che possano fornire questo tipo di aiuto. Alcune di noi hanno perso dei parenti, se non l’intera famiglia. Per questo vi chiedo di fare qualcosa per queste donne, qualsiasi cosa possiate fare.

Un estratto del discorso di Nadia al Consiglio di Sicurezza dell’ONY nel dicembre 2015: Sollecito lo sterminio di Daesh:

Ci hanno portati a Mosul con oltre 150 altre famiglie yazide. In un edificio c’erano migliaia di famiglie yazide e bambini che venivano scambiati come fossero regali,” ha detto ai 15 componenti del Consiglio. “L’uomo che ha preso me, mi ha chiesto di cambiare religione. Ho rifiutato. Poi ha chiesto la mia mano per sposarmi per così dire. Quella notte mi ha picchiata. Mi ha chiesto di togliermi i vestiti. Mi ha portata in una stanza con le guardie e poi hanno proceduto nel commettere il loro crimine fino a quando sono svenuta. Vi imploro, eliminate Daesh [IS] completamente.

Yeni Özgür Politika

Fonte e foto: UIKI (Ufficio d’Informazione del Kurdistan in Italia)

Basta usare l’acronimo ISIS per definire il gruppo di criminali, drogati, fanatici, terroristi islamici è conosciuto in arabo come ad-Dawlah al-Islāmiyah fīl-ʿIrāq wash-Shām, da cui l’acronimo Da’ish or DAESH (داعش, Arabic pronunciation: [ˈdaːʕiʃ], al limite, se proprio non ne potete fare a meno, usate l’acronimo IS, più corretto e non fraintendibile col nome della Dea Iside in inglese. L’uso dell’acronimo ISIS ha già dato i suoi frutti, in USA, una libreria che aveva il nome della Dea Iside, la Isis Books & Gifts di Englewood, Denver, in attività da più di 35 anni, è stata attaccata da persone ignoranti che hanno confuso il nome della Dea con l’organizzazione terroristica. La vetrata della libreria è stata distrutta dopo gli attacchi terroristici di Parigi.

E’ disgustoso e stupido usare un acronimo che è uguale al nome di una Dea egizia, anche se tale nome le è stato dato in epoca alessandrina, è offensivo per moltissimi neopagani nel mondo, ed è anche e soprattutto offensivo per tutte le donne del mondo. LE PAROLE SONO IMPORTANTI, USIAMOLE BENE.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Pubblicità
Pubblicità