Gea-draconia.net

Pubblicità

Censura per Arzu Demir e il libro sul Rojava

Censura per Arzu Demir e il libro sul Rojava

Censura per la giornalista Arzu Demir e la casa editrice Ceylan Yayinlari costrette ad abbandonare la Fiera del Libro di Ankara a causa di un libro dedicato ai fatti del Rojava.

È davvero una brutta pagina quella scritta venerdì 8 gennaio alla Fiera del Libro di Ankara, in Turchia. In un luogo teoricamente deputato alla libera circolazione delle idee e della cultura, infatti, si è dato corpo a un’intollerabile episodio di censura e si è consentito che una casa editrice, la CeylanYayinlari (http://www.ceylanyayinlari.net), venisse impunemente aggredita e, quindi, costretta ad abbandonare gli spazi espositivi. La pietra dello scandalo che tanto ha agitato gli organizzatori della kermesse turca ha a che fare in modo particolare con un libro, “Devrimin Rojava Hali”, scritto dalla stimata giornalista ArzuDemir.

Sempre secondo gli organizzatori della Fiera del Libro di Ankara, chi affronta con serietà e rigore tutto ciò che riguarda il tema della causa curda non ha alcun diritto di parola né può contare su alcuna visibilità, considerato che gli stessi lavoratori della CeylanYayinlari sono stati addirittura minacciati fisicamente a causa di questo libro, «colpevole», tra le altre cose, di sfoggiare sulla copertina un gruppo di soldatesse con l’uniforme dello YPJ.

Gli editori italiani di ArzuDemir esprimono la più profonda solidarietà all’autrice e ai loro colleghi della CeylanYayinlari, ai quali sono legati da profondi legami di amicizia e rispetto e con cui contano di portare avanti un proficuo rapporto di scambio culturale.

A marzo la CeylanYayinlari ha annunciato la traduzione in turco del volume “La compagna P38” di Dario Morgante e la Red Star Press ha intenzione di far uscire in Italia il libro di ArzuDemir, provvisoriamente intitolato “La rivoluzione nel Rojava”.

Quello che è successo ad Ankara, per quanto ci riguarda, anche se è soltanto uno dei moltissimi episodi, spesso sanguinosi, che illustrano la feroce politica anticurda del governo di Erdogan, non potrà che stimolarci ancora di più affinché il lavoro di ArzuDemir, le sue riflessioni e il suo racconto della situazione in Rojava possano circolare nella maniera più larga e partecipata possibile, iniziando dai prossimi appuntamenti fieristici in programma a Milano e a Torino. Alla stessa maniera speriamo che i colleghi editori qui in Italia, così come i lavoratori dell’industria editoriale e gli autori tutti, facciano sentire forte e chiara la propria voce, protestando formalmente contro i fatti di Ankara e, di conseguenza, contro una politica che anche sul fronte culturale (vero ministro Franceschini?) non fa che riempirsi la bocca di «democrazia», tranne chiudere tranquillamente gli occhi quando le più riprovevoli violazioni dei diritti umani avvengono in casa nostra o nei paesi che gli assetti economici e politici definiscono«alleati».” dicono alla Red Star Press.

arzu_demir

Fonte e foto: UIKI Onlus

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Pubblicità
Pubblicità