Gea-draconia.net

Pubblicità

Arrivano i Pesci Alieni al Bioparco di Roma

Arrivano i Pesci Alieni al Bioparco di Roma

Al Bioparco di Roma oggi è stata inaugurata la nuova area tematica “Pesci Alieni – le Invasioni nelle Nostre Acque”, dedicata alle centinaia di specie animali e vegetali presenti nelle acque dolci e salate del nostro Paese, con particolare riferimento al bacino del Mare Mediterraneo.

Il percorso interno all’area tematica Pesci Alieni è caratterizzato da tre principali sezioni:

– la prima dedicata ai cambiamenti climatici e alla biodiversità del bacino del Mediterraneo, dove è possibile osservare, tra gli altri: barracuda, meduse, polpo, seppia, cernia bruna, murena e specie vegetali come la posidonia.

Curiosità: l’osso di seppia è ciò che resta della conchiglia che caratterizza tutti i molluschi. La seppia, infatti, è un parente stretto di cozze, vongole, ostriche, lumache di terra e di mare. Animali apparentemente molto diversi fra loro, accomunati dall’essere un insieme omogeneo di specie noto come molluschi. Sebbene nel corso dell’evoluzione abbia perso la caratteristica conchiglia, anche il polpo è un mollusco!

– La seconda sezione riguarda le specie aliene presenti nelle nostre acque dolci, come ad esempio il pesce gatto, il gambero della Luisiana e il pesce siluro.

Curiosità: il pesce siluro (Silurus glanis) è uno dei più grandi pesci d’acqua dolce; raggiunge anche i 5 m di lunghezza e un peso di 300 kg. Originario dell’Europa dell’Est, è stato introdotto nel bacino del Po negli anni ’70 dello scorso secolo e successivamente nel bacino dell’Arno e del Tevere. È in fortissima espansione e provoca gravi danni alle altre specie, essendo una specie onnivora; da adulto si alimenta principalmente di altri pesci, non disdegnando però anche uccelli e mammiferi di media taglia.

– Nella terza sezione sono presenti le specie aliene del Mare Nostrum che negli anni hanno fatto la loro comparsa, come il pesce pappagallo, il pesce scorpione, il pesce palla maculato, il pesce balestra, la medusa maculata australiana, la murena verde.

Curiosità: il pesce scorpione (Pterois miles), oltre ad essere uno dei pesci più spettacolari dei mari tropicali, è pericolosissimo, il suo veleno può anche provocare la morte di un essere umano. Ha fatto la sua comparsa nel Mediterraneo attraverso il Canale di Suez all’inizio degli anni ’90, l’intensificazione degli avvistamenti è però recente. Nel passato, infatti, molte specie aliene non incontravano condizioni adatte alla loro sopravvivenza ma adesso, a causa dell’innalzamento delle temperature, trovano condizioni climatiche favorevoli

Il primo avvistamento in Italia della Medusa maculata australiana, (Phyllorhiza punctata), specie originaria delle zone tropicali del Pacifico occidentale, risale al 2009 nelle acque dell’isola di Tavolara, in Sardegna. Probabilmente l’introduzione di questa specie aliena è da imputare all’incremento del numero di navi che solcano i nostri mari trasportando non solo merci, ma anche ‘passeggeri indesiderati’.

All’interno dell’esposizione, un gioco interattivo multimediale permette di scoprire le caratteristiche più importanti di uno dei predatori marini più temuti: lo squalo bianco.

Due grandi acquari tropicali mostrano, al termine del percorso, come potrebbe diventare il nostro Mediterraneo fra qualche decennio: un mare ricco di variopinti pesci tropicali, ma a quale prezzo?

“La nuova area nasce con l’obiettivo di sensibilizzare il nostro pubblico, in particolare i bambini, sugli animali alieni che popolano mari, fiumi e laghi – spiega Federico Coccìa, Presidente della Fondazione Bioparco di Roma – considerati una della principali minacce alla Biodiversità, con un’attenzione particolare ai cambiamenti climatici e ai danni causati dai sistemi di pesca non selettivi. Poter vedere da vicino un pesce scorpione o un pesce siluro – conclude Coccìa – consente di creare quel rapporto emotivo che facilita l’acquisizione del messaggio educativo”.

L’iniziativa si realizza con il patrocinio del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, di Federparchi, della Invasive Species Specialist Group (ISSG) della IUCN, in collaborazione con l’Agenzia Regionale dei Parchi della Regione Lazio e di Legapesca, in ottemperanza con le indicazioni della IUCN, dell’EAZA e delle principali associazioni internazionali che si occupano di conservazione della Biodiversità.

L’area Pesci Alieni – le Invasioni nelle Nostre Acque ha un ingresso autonomo dal Bioparco situato su Viale del Giardino zoologico 1, lato Viale Rossini.

Si può visitare anche in aggiunta alla visita al Bioparco.

Orario di apertura: 10:00 – 17:30

sabato, domenica e festivi, orario prolungato: 10:00-18:30

€ 3,00 cad. in aggiunta al biglietto d’ingresso Bioparco di Roma

€ 5,00 cad. per visitare solo l’area Pesci Alieni

Infoline: Interclub Servizi

Tel. 06.88816182/06.58334360 – Fax 06.5812598

 

www.bioparco.it

PesciAlieni03

Fonte e foto: Bioparco di Roma

One Comment

  1. io adoro i pesci e il mare! 🙂 sono la mia vita!

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Pubblicità
Pubblicità