Gea-draconia.net

Pubblicità

Al Bioparco è nata la nuova area degli oranghi

Al Bioparco è nata la nuova area degli oranghi

Il 28 marzo 2014 al Bioparco di Roma è stata inaugurata la nuova area degli oranghi. “Il nuovo exhibit dove vivranno le nostre tre femmine di orango, Petronilla e le sue due figlie Martina e Zoe, ha un’estensione di circa 500 mq tra parte esterna e ricoveri interni degli animali – spiega il Presidente della Fondazione Bioparco di Roma, Federico Coccìa – e si sviluppa in altezza per 5 metri per permettere a questi animali arboricoli di arrampicarsi sui grandi tronchi presenti; un passaggio aereo collega il nuovo spazio all’area dove attualmente abitano gli oranghi. Grandi vetrate consentono al pubblico una vista molto ravvicinata di queste grandi scimmie antropomorfe delle foreste asiatiche. All’interno dell’area, gli oranghi, hanno a disposizione tronchi, corde e piattaforme in legno per muoversi, riposarsi e creare il nido, proprio come accade in un ambiente naturale”.

Dal punto di vista educativo, l’area è dotata di un impianto didattico costituito da scenografie pittoriche che simulano l’habitat di foresta tropicale, con installazioni ludico-didattiche che evidenziano le caratteristiche salienti della specie, con particolare riferimento all’eco-etologia, alle minacce e ai progetti di conservazione in natura.

Al Bioparco di Roma vivono 3 femmine di orango: Petronilla, 43 anni e le sue 2 figlie: Zoe, 28 anni, e Martina, la più giovane, 24 anni, nomi ereditati dalla vecchia gestione comunale, tutte nate nello Zoo di Roma.

Petronilla è nata nel 1970. Ha vissuto a lungo con un maschio con cui ha avuto due figlie, Zoe e Martina. Petronilla è molto intelligente e trova sempre soluzioni ingegnose per risolvere problemi legati al recupero del cibo. In estate, ad esempio, riceve delle noci di cocco intere e, per non perdere il liquido che si trova all’interno, sbatte cautamente la noce su una sporgenza fino a praticare un piccolo foro da cui beve il latte. Ama molto coprirsi con sacchi di iuta o altri teli, un comportamento che ricorda quello adottato in natura con le fronde degli alberi per proteggersi dalla pioggia. È un’insaziabile mangiatrice di verdure. Con le figlie è paziente e protettiva, soprattutto con Martina.

Zoe è nata nel 1985, si riconosce perché è più magra e agile delle altre; attenta osservatrice, ama farsi grattare e spazzolare dai keepers con una robusta spazzola. Spesso riesce ad arrampicarsi nei posti più alti dell’exhibit, che raggiunge comodamente grazie alla sua agilità.

Martina ha 24 anni ed è la più giovane del gruppo. Nonostante l’età, ha ancora uno stretto legame di dipendenza dalla madre, accanto alla quale ama dormire. Ha un posto preferito dove dormire: all’interno di un grosso vaso di plastica nero – che trasporta ogni sera nel punto più alto dell’area – nel quale riesce a entrare completamente per poi ricoprirsi di truciolo di legno o paglia. Martina non smetterebbe mai di riempirsi la pancia, ma come tutti gli animali del Bioparco di Roma, segue una dieta specifica; quando qualcosa non le piace o ne vuole di più, diventa capricciosa.

Domenica 30 marzo e 6 aprile 2014 il Bioparco si potranno conoscere tutti i segreti di queste scimmie antropomorfe.

Dalle ore 11:00 alle ore 17:30, presso l’area degli oranghi, dislocata vicino a quella dei ‘cugini’ scimpanzé, gli operatori ludici e didattici guideranno i bambini in attività interattive gratuite per capire l’importanza di un pollice opponibile o come fare acquisti sostenibili per contribuire alla salvaguardia della specie in natura. Gli animatori didattici saranno inoltre a disposizione delle famiglie per svelare le curiosità e rispondere alle domande sul mondo dei primati.

Credit fotografico: Massimiliano Di Giovanni – Archivio Bioparco di Roma

Fonte: Bioparco di Roma

OrangoBioparco02

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Pubblicità
Pubblicità