Gea-draconia.net

Pubblicità

Primo Festival Nazionale di Campagna Amica

Primo Festival Nazionale di Campagna Amica

A Roma, dal 27 al 30 settembre 2012, dalle ore 09.00 alle ore 24.00, si terrà il Primo Festival Nazionale di Campagna Amica.
Fondazione Campagna Amica, con evento “Cibi d’Italia” vuole aprire le porte della nostra agricoltura dunque del vero made in Italy a tutta Italia a partire dalla Città di Roma.
In un contesto storico unico al mondo, l’arena del Circo Massimo, il Primo Festival Nazionale di Campagna Amica, racconterà ai consumatori il valore autentico delle produzioni agricole italiane, attraverso le loro fasi. Il cibo, il territorio, il saper fare, le tradizioni locali, in altre parole “Campagna Amica” è la risposta all’omologazione alimentare e culturale che la globalizzazione impone.

Se si vogliono dare risposte vere in termini di sicurezza alimentare e ambientale, di tipicità, di risorse utili per il territorio, le sue peculiarità, l’arte, la storia, il paesaggio, la professionalità dei nostri imprenditori agricoli, come elementi di sviluppo della società, diventa fondamentale che la società stessa ne tocchi concretamente il significato e il valore.

Fondazione Campagna Amica attraverso la prima edizione di “Cibi d’Italia” vuole far entrare in tutto questo i consumatori di Roma dal 27 al 30 settembre 2012, per arrivare attraverso le edizioni successive all’Expo 2015, dove l’alimentazione e l’ambiente saranno i protagonisti.
Agricoltura italiana è produzione di cibo buono e sicuro, gestione del territorio, educazione alimentare, tutela della biodiversità, produzioni di fonti energetiche rinnovabili, produzioni economicamente sostenibili, molto altro.

Nell’ambito del Primo Festival Nazionale di Campagna Amica, si prevedono numerosissime iniziative che hanno l’obiettivo fondamentale di far tornare a casa i cittadini consumatori che decideranno di immergersi nell’agricoltura italiana, con un seme ricco di conoscenze, con le scarpe un po’ sporche di terra, con un profumo intenso sulle dita, con un gusto piacevole nel palato, con un pensiero per il migliore amico.
L’agricoltura sarà cibo, orto, giardino, cultura, natura, biodiversità, ma anche tecnologia, sicurezza alimentare, ambientale, storia, arte, innovazione, da vivere in mille modi.
Sono previste infatti occasioni di degustazioni di olio, frutta, formaggi, vini, alle attività culturali di “Educazione alla Campagna Amica” dedicate ai più piccoli.
Ci saranno corsi di giardinaggio, orticoltura, ma anche di cultura del verde; sarà presente la libreria dell’agricoltura e del buon cibo italiano.

Ogni regione italiana si rappresenterà attraverso il meglio delle produzioni agricole, offerte agrituristiche, racconti dei territori più conosciuti e meno abituali.
I cittadini potranno imparare note di sicurezza alimentare in seminari ad hoc, ma potranno curiosare il premio della vergogna, dato a chi sull’agroalimentare bleffa di più.

Sarà l’occasione per il premio sull’innovazione imprenditoriale in agricoltura: OSCAR GREEN in fatti si presenta alla sua sesta edizione.
La pasta della bontà

Ci saranno iniziative benefiche: è stato siglato un accordo con la lega del filo d’oro che vedrà una raccolta fondi attraverso la vendita della pasta della Bontà (solo da grani italiani). Inoltre si sta organizzando il concorso: Campagna Amica CHEF: le migliori ricette made in Italy dall’ingrediente all’idea.

Spazio come territorio: modelli culturali standardizzati ed indistinti spesso allontanano le persone dalla percezione delle proprie radici. Bisogna restituire loro il senso di appartenenza al proprio territorio anche se occorre nello stesso tempo far capire che non ci sono “confini invalicabili, né mondi incompatibili” che la prospettiva non può essere che il rispetto reciproco tra le diverse culture.

Spazio come luogo di produzione: le aziende agricole, i caseifici, le cantine, i forni, sono i luoghi dove la natura trova nell’uomo e nella sua tecnologia un potente alleato per produrre i cibi della nostra quotidiana alimentazione e del piacere di gustare un’infinità di sapori.

Spazio come luogo di consumo: dove si mangia, come si mangia. Il luogo dove si consuma il cibo delimita non solo uno spazio fisico, ma anche una modalità ed una qualità sia del rapporto con il cibo stesso e con i commensali, che della stessa tipologia di alimenti che vengono consumati.

Per maggiori informazioni:
Campagna Amica: http://www.campagnamica.it/
Coldiretti: http://www2.coldiretti.it/Pagine/default.aspx
Cibi d’Italia: http://www.cibiditalia.eu/Pagine/default.aspx

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Pubblicità
Pubblicità