Gea-draconia.net

Pubblicità

Andrea Incontri

Andrea Incontri

Dopo il debutto a Pitti Uomo, continua con coerenza la sua ricerca sia con la propria label, sia con nuove collaborazioni creative.

Un percorso in rapida ascesa quello di Andrea Incontri, che dopo il debutto a Pitti Uomo, continua con coerenza la sua ricerca sia con la propria label, sia con nuove collaborazioni creative.

Mantovano di nascita ma milanese d’adozione, la formazione di Incontri rivela una forte propensione per l’architettura: la sua è una moda che coniuga ricerca estetica e rigore funzionale. Abiti e accessori dai tagli netti e linee pulite da indossare e utilizzare nella vita quotidiana.

Un progetto che conferma l’interesse di una visione trasversale del quotidiano maschile e femminile in cui l’individualità è protagonista insieme alla relazione con le cose. Un gioco e rimando continuo tra spazio individuale in rapporto con gli oggetti che indossiamo e ci circondano tramite i quali ci relazioniamo con il mondo.

Per la collezione primavera estate 2012 sono stati protagonisti i creativi di una comunità delle Alpi italiane, ai confini con l’Austria, un territorio che può essere difficile e isolato, dal quale i progettisti riescono però a dialogare con l’arte del fare, anche a livello internazionale: musica, fotografia, moda, architettura, performance.

Nella collezione è forte il focus sulla lavorazione artigianale Made in Italy e sulla confezione: queste peculiarità hanno portato alla collaborazione con aziende altamente qualificate e specializzate per la realizzazione di interventi monoprodotto.

Nella camiceria elementi ricorrenti sono l’utilizzo di tinti in filo in cotone, mini grisaglie in lino, stampe a quadro su capo finito. La componente sartoriale elabora nuove costruzioni applicate anche a capi in nappa superleggera.

Particolarmente interessante per le proporzioni e forme la pelletteria in cui il designer rivisita pezzi classici ma rinnovandoli, come lo zaino/gerla, la borsa/cesto, il beauty/borsello. Pezzi dal design ricercato e ricco di dettagli ma senza rinunciare al comfort per un uso quotidiano. Molta attenzione è sulla scelta e trattamento dei pellami utilizzati come il vitello bianco ceramica, mandarino e polvere vernice, il bufalo suede stampato dai toni naturali e ancora vitello e corda intrecciata in nero assoluto. Ne scaturisce una collezione che rivela un’estetica minimale, ma sorprendente nel delicato equilibrio tra passione per i dettagli e funzionalità.

Le sorprese e i progetti non finiscono qui. Andrea Incontri torna a Pitti Uomo con un progetto monoprodotto in collaborazione con Habsburg, brand iconico della tradizione sartoriale austriaca. Sarà presentata a proprio a gennaio 2012 –  durante Pitti Uomo 81 – la collezione di capispalla con costruzione sartoriale realizzata nei materiali classici austriaci. Come racconta lo stesso Incontri: “L’intento è quello di rivisitarne i codici stilistici di Habsburg, creando capi prestando molta attenzione alla vestibilità. L’intervento monoprodotto, esaltando e ponendo l’attenzione verso i dettagli di costruzione, porta alla realizzazione di capi contemporanei nei particolari, innovativi nelle linee”.

 

Fonte: vogue.it, Federico Poletti

 

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Pubblicità
Pubblicità